Il Teatro dei Servi Disobbedienti - TSD nasce a Bologna nel 2013, fondato dalla regista e scenografa Federica Amatuccio e dal compositore e sound designer Andrea Gianessi. Concentra la sua ricerca sulla stretta interazione tra teatro, danza, azione fisica, musica e sound design. Sperimenta nel teatro le relazioni possibili tra l’individuo e l’altro da sé, il confronto continuo con la comunità, la natura, il potere, le istituzioni, la massa, lo spazio. È alla continua ricerca del vero, ne esplora i dispositivi e le inevitabili contraddizioni, utilizzando la disobbedienza come innesco per l’atto creativo.

Federica Amatuccio

Federica Amatuccio

Regista, autrice e scenografa, indaga l’umano e il suo rapporto con il mondo attraverso la compenetrazione dei linguaggi scenici e la creazione di drammaturgie testuali, visive, fisiche e sonore. Co-fondatrice insieme ad Andrea Gianessi della compagnia Teatro dei Servi Disobbedienti. Finalista Bando Registi Under30 della Biennale Teatro di Venezia; Direction Under30 del Teatro Sociale di Gualtieri; Fantasio - Festival di Regia Teatrale; Semifinalista Bando RADAR di ERT - Emilia Romagna Teatro Fondazione. È nella direzione artistica di DAS – Dispositivo Arti Sperimentali di Bologna e del Poverarte Festival-Teatro. Ha collaborato con Accademia di Belle Arti di Bologna, Nicola Bruschi, Pietro Floridia – Cantieri Meticci, Stefano Cenci, Lina della Rocca – Teatro Ridotto, Maurizio Finotto, Zoopalco, Marzio Badalì.
Laureata con lode in scenografia presso Accademia di Belle Arti di Bologna, con due tesi in regia, frequenta Scuola Cònia della Societas, seguendo corsi di Claudia Castellucci, Simone Menegoi, Lucia Amara e Silvia Rampelli. Ha seguito masterclass con Annelise Zaccheria, Franco Visioli e Romeo Castellucci.

Andrea Gianessi

Andrea Gianessi

Compositore, sound designer, musicista e autore, si dedica alla sperimentazione delle potenzialità drammaturgiche del suono, con una particolare attenzione all’interazione tra musica concreta, elettronica e acustica. Co-fondatore del Teatro dei Servi Disobbedienti, insieme alla regista Federica Amatuccio, e del DAS - Dispositivo Arti Sperimentali di Bologna. Ha lavorato con Franco Visioli, Antonio Latella, Giuseppe Stellato (Stabilemobile), Mitmacher Teatro, Zoopalco, Ateliersi, Studio Arkì, Masque Teatro, Silvia Rigon, ERT - Emilia Romagna Teatro, Accademia di Belle Arti di Bologna, Nicola Bruschi, Compagnia Permanente ERT, Teatro Stabile di Torino, Biennale Teatro di Venezia.
Laureato con lode in DAMS Musica, ha studiato sound design presso Fonoprint Studio e Scuola APM (Alto Perfezionamento Musicale). Ha inoltre seguito masterclass sul rapporto tra sound design e teatro con Franco Visioli, Letizia Russo, Annelise Zaccheria presso La Biennale College di Venezia, e con Romeo Castellucci e Luigi Ceccarelli presso il Conservatorio G.B. Martini Bologna.

Dal 2013 il Teatro dei Servi Disobbedienti produce gli spettacoli Gocce di Splendore, Fimmina Morta, Mille modi per crepare in montagna, Marì, NOSTOS, NON ERA. Nel 2015 e 2016 è in residenza artistica presso Villa Pini - Centro per le arti performative di ERT - Emilia Romagna Teatro. Con Marì è tra i finalisti del festival Direction Under30 2017. Dal 2017 cura la direzione artistica teatrale del Poverarte Festival e delle serate di Eruzioni presso AtelierSì a Bologna, dirigendo i workshop IL CATTIVO NUOVO, ed #ERAVOLUTO e l’happening #FLUSSO che prevede l’interazione di teatro fisico, sound design e poesia multimediale, in collaborazione con il collettivo Zoopalco. Partecipa a due meeting residenziali internazionali “Finestre sul giovane teatro 2017”, condotti da Lina della Rocca del Teatro Ridotto - Filo dei Venti. Nel 2018 è in residenza con NOSTOS presso Leggere Strutture Art Factory di Bologna. NOSTOS è selezionato per il festival Pillole 2018 del Teatro Studio Uno, e per Contrabbando 2019 del Nuovo Cinema Palazzo, a Roma. Sul processo creativo dello spettacolo realizza inoltre il laboratorio pubblico Open NOSTOS. Nel 2019 inoltre è tra i semifinalisti del bando RADAR di ERT - Emilia Romagna Teatro con lo studio su NON ERA. Nel 2018 TSD fonda insieme ad altre realtà del territorio il DAS - Dispositivo Arti Sperimentali. All’interno di DAS attiva alcuni progetti sperimentali di residenza e di confronto con altre compagnie emergenti: OHM - residenze concettuali, in collaborazione con Marzio Badalì e Altre Velocità; Attraversarci - condivisioni teatrali, incontri aperti di condivisione del training; JOULE - energia potenziale, ciclo di residenze produttive per giovani compagnie. Nel 2020 è coinvolto nel percorso di ricerca ISOLE insieme a Compagnia Icore, (S)Blocco5, Teatro Ebasko nell’ambito del progetto Mediatori del Reale a cura di ERT - Emilia Romagna Teatro, con il sostegno di Mibact e SIAE. Con x-machine è finalista alla Biennale College Registi Under 30 de La Biennale Teatro di Venezia. Nel 2021 fonda insieme alle compagnie Kepler 452, (S)blocco5 e NarrandoBo il coordinamento teatrale ACT Bologna, per istituire un tavolo permanente di confronto tra istituzioni e compagnie del territorio bolognese.

2020
2018
2017
foto di gruppo tsd 2018
2019
2018
2017

Federica Amatuccio: regia e scenografia

Andrea Gianessi: musica e sound design

Martina Mondello: costumi

Pascal Fausto Amatuccio: lighting design

Marco Garuti: lighting design

Francesca Bertolini: performer

Margherita Kay Budillon: performer

Manuela Davoli: performer

Roberto Durso: performer

Francesca Nardi: performer



__________________________________________________________

hanno attraversato il tsd:

Antonello Bitella, Mirco Mungari, Antonio Bissiri, Valeria Iudici, Sara D'Angelo, Francesca Lateana, Marzio Badalì, Domenico Pizzulo, Simone Bevilacqua, Charlotte Wuillai, Martina Morabito, Francesca Di Paolo, Simone Zitelli, Simone Martino, Sara Setti.