x-machine

primo studio: produzione in corso


Una x-machine è un dispositivo, una macchina per manipolare oggetti di tipo x. Noi agiamo sempre dentro dei dispositivi, apparteniamo ad essi. Un dispositivo è una relazione di forze, di saperi e di poteri, una matassa di linee che si aggrovigliano e si fratturano. L’insieme delle azioni umane ha influenzato così profondamente l’ambiente terrestre da creare negli anni una vera e propria stratificazione, definita da alcuni Antropocene, un macro-dispositivo generato dall’uomo che sfugge però alla sua stessa pretesa di controllo. È possibile sottrarsi ai rapporti di forza stabiliti o ai saperi costituiti? Per farlo occorre oltrepassare queste linee, piegarle, nei limiti che il dispositivo stesso ci consente, trovare delle linee di fuga per reinventare nuove forme, nuovi dispositivi. Tutto qui è lo spazio che ci rende soggetti e non oggetti.


regia e scenografia: Federica Amatuccio.

direzione musicale e sound design: Andrea Gianessi.

musiche: Federica Furlani, Jacopo Giacomoni, Andrea Gianessi, Marco Puzzello.

costumi: Martina Mondello.

in scena: Federica Furlani, Jacopo Giacomoni, Andrea Gianessi, Marco Puzzello.


foto: ©Andrea Avezzù / Courtesy of La Biennale di Venezia


x-machine | primo studio (30')

Carousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel image